Associazione Valeria Lepore

Sla: malati confermato sciopero fame contro tagli sanità

I circa 50 malati di Sla e di altre patologie gravi hanno confermato l'avvio dello sciopero della fame, a cui hanno aderito complessivamente un centinaio di persone, contro i tagli nella Finanziaria della Regione al Fondo per la non autosufficienza, ed un presidio permanente davanti all'assessorato della Sanità a Cagliari da mercoledì 18 febbraio. Una decisione ribadita da Salvatore Usala, fondatore del Comitato 16 Novembre, nonostante l'impegno di ieri dell'assessore della sanità Luigi Arru, all'Associazione sclerosi laterale amiotrofica (Aisla), che non ci saranno tagli al Fondo, "Sono promesse ora aspettiamo i fatti".
"La Commissione Bilancio ha inoltrato al Consiglio regionale il provvedimento con 36 milioni di tagli - ha spiegato Usala - proprio quando Arru avrebbe preso l'impegno. La verità è che l'Assessore ha preso l'impegno scritto il 10 dicembre 2014, puntualmente smentito dall'assessore del Bilancio, Raffaele Paci, inoltre Arru da sempre afferma che vuole fare una ristrutturazione privilegiando il bisogno, in parole povere un taglio lineare del 17,8%. Chiaramente il taglio c'è, infatti Arru si guarda bene dal pubblicare un comunicato col dire che il finanziamento del fondo è 202 milioni". Usala critica anche le promesse dell'assessore: "Sa bene che la delibera 18/21 è riservata ai gravissimi, quindi ai ventilati 24 ore, come da decreto ministeriale. Perciò confermiamo le lotte integralmente: ora sciopero della fame parziale, e poi totale dal giorno del presidio, con distacco dei respiratori". Queste manovre di basso lignaggio nel tentativo di boicottare le lotte non ci preoccupano.

Fonte: ANSA