Associazione Valeria Lepore

65enne morì dopo tre interventi: indagati tre medici del Policlinico di Bari

65enne morì dopo tre interventi: indagati tre medici del Policlinico. Si tratta di tre professionisti in servizio per il reparto di Chirurgia: il paziente morì a febbraio 2014, dopo aver subito degli interventi in cui sarebbero state perforate le pareti intestinali.


Tre medici del reparto di Chirurgia del Policlinico sono indagati dalla Procura di Bari con l'accusa di omicidio colposo, nell'ambito di un'inchiesta sulla morte di un 65enne. L'uomo sarebbe deceduto a causa di un'infezione seguita a tre interventi, e in seguito ai fatti i familiari hanno presentato denuncia, facendo partire le indagini.

Secondo quanto accertato, il 65enne, nel settembre 2013, era stato sottoposto ad un primo intervento di "laparocele mediano e concomitanti fistola perianale ed eteroplasia vescicale". I medici avrebbero però causato una "complicanza postoperatoria perforativa", seguita da peritonite. Pochi giorni dopo, e poi ancora ad inizio ottobre, il paziente sarebbe stato quindi sottoposto ad altri due interventi, in cui però si sarebbero verificate altre perforazioni del tratto intestinale, con conseguenti infezioni. Si sarebbe così generata una grave "condizione di sepsi locale e generale" che avrebbe poi causato il decesso dell'uomo dopo qualche mese, a febbraio 2014.